Notifica a mezzo posta e compiuta giacenza. Interviene la Cassazione, S.U., con sentenza 1° febbraio 2012, n. 1418

La Cassazione, S.U., con sentenza 1° febbraio 2012, n. 1418 interviene sul tema della notifica a mezzo  posta affermando i seguenti principi:

se la notificazione viene eseguita a mezzo del servizio postale, solo talvolta il perfezionamento della notifica coincide con il materiale recapito o con il ritiro del plico da parte del destinatario.

Spesso, in questi casi, la notificazione si conclude con l’inutile spirare del termine di compiuta giacenza (per legge 10 giorni dalla data di spedizione della lettera raccomandata con cui si avvisa del deposito ovvero dalla data di ritiro del piego, se anteriore)

Detto termine – ad avviso della Sezioni unite ha natura processuale e va considerato «a decorrenza successiva».

Quindi se il termine dei 10 giorni scade in un giorno festivo, o nella giornata di sabato, la scadenza va prorogata al primo giorno seguente non festivo.

per leggere il testo

stampa

pubblica su facebook

Torna indietro

Altri articoli

Cass. 8 settembre 2014 n. 18868 sulla nullità insanabile della citazione in appello

Tribunale di Reggio Emilia Reggio Emilia 2 settembre 2014 - è insanabile il difetto di vocatio in ius nella citazione

Cass. 15 luglio 2014 n. 16154 sull'inammissibilità del ricorso per Cassazione

Tribunale di Milano 15 luglio 2014: il verbale di udienza deve essere sempre telematico?

Tribunale Reggio Emilia 2 luglio 2014 sulle prove atipiche

Corte d'Appello L'Aquila16 gennaio 2014 - sospensione della provvisoria esecutività della sentenza in appello ex art. 447 bis c.p.c. e generica rappresentazione del pregiudizio

Cassazione 14 maggio 2014, n. 10599 testamento olografo e contestazioni del consulente cetnico di parte alla perizia di ufficio

Corte di appello di Bologna 15 ottobre 2013 - ancora inammissibile un appello ex art. 348 bis c.p.c. in difetto di ragionevole possibilità di accoglimento dell'impugnazione

Cass., sez. VI/3 - ordinanza 12 marzo 2014, n. 5703: il foro speciale del consumatore prevale sulla competenza dell'ufficio giudiziario di merito adito per il processo nel quale l'avvocato ha prestato la propria opera

Cass. 3 ottobre 2013 n. 22642 e la mancanza di legittimazione processuale